17.5.2017 – La disinformazione targata Iene

Le Iene a Brescia sono note perché si sono applicate nel fare in modo che chi contrastava il cosiddetto “metodo stamina” fosse un buffone.
Tutti vi ricordate la fasulla cura contro i tumori che è costata condanne al suo “inventore” ed un mucchio di spese a noi cittadini.
Quella vicenda fomentata da qualche giudice civile ha visto le Iene protagoniste nel farci buttare un mucchio di soldi nostri.
Così nella vicenda di Ustica le Iene si sono subito gettate nella mischia… ovviamente per fare in modo che noi cittadini venissimo derubati.

Ho cercato di far capire a loro la enorme differenza fra sentenze penali e civili, ho cercato di far capire a loro che le sentenze civili sono frutto di una opinione consentita dal  fatto che lo Stato Italiano si è incredibilmente non presentato ai processi.
 Le Iene avrebbero dovuto indagare sulla latitanza dello Stato Italiano che in tal modo sottrae a noi cittadini italiani soldi che non dovremmo comunque spendere.

Niente!
Mi hanno accusato montando un servizio indecoroso di fare tutto per pubblicizzare il mio libro!

 

https://www.iene.mediaset.it/puntate/2017/05/17/pecoraro-falsari-di-stato_11249.shtml

 

 

 

2 pensieri su “17.5.2017 – La disinformazione targata Iene”

  1. Libro ridico, tesi ridicola. Non servivano certo le Iene per confermarlo. Chiunque si sia informato dovutamente sui fatti, sa bene quanto sia risibile (e comoda…) la tesi contenuta in questo libro.
    Inutile spreco di tempo.

    1. Peccato che lei evidentemente ha fatto il contrario e cioè non si è informato visto che tutto quello che è scritto è vero.
      Assolutamente vero e assolutamente provato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *