27.06.2017 – Rai Unomattina- Intervista a Daria Lucca ed Eugenio Baresi

Ecco lo stralcio della Trasmissione di Rai Unomattina.

Risposta chiara per ribadire che l’unico processo che si è svolto in 277 udienze con confronti dibattimentali fra periti ed interrogatori ha sancito che parlare di battaglia aerea è parlare di fantascienza.
Il giudice Rosario Priore non ha emesso alcuna sentenza, ma solo una ordinanza di rinvio a giudizio che è stata giudicata nulla ed inaccettabile dal processo definitivo come è stato sancito dalla Suprema Corte di Cassazione Penale.

Così scrive il Tribunale riguardo a quanto prodotto e fornito dal giudice Rosario Priore:
l’imponente massa di documenti e dati presentati non hanno consentito di ricavare elementi di prova a conforto delle tesi dell’accusa, addirittura la prova dei fatti contestati è del tutto mancata”.

Ma anche a chi inventa aerei in volo provenienti da più parti, appartenenti a diverse forze aeree vale la pena ricordare un’altra affermazione contenuta nella sentenza definitivamente emessa dalla Suprema Corte di Cassazione Penale:
tutti gli aerei militari italiani erano a terra, che i missili di dotazione italiana erano nei loro depositi, che gli aerei militari alleati non si trovavano nella zona del disastro e che nell’ora e nel luogo del disastro non vi erano velivoli di alcun genere”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *